Piemonte e Valle d'Aosta

alle ore

Evento concluso

Evento concluso

Programma

Liborio Stellino – Direttore Centrale per l’Internazionalizzazione​, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
I sei pilastri del Patto per l’Export

Giulia Marcon – Responsabile Settore Affari Internazionali e Cooperazione Decentrata Direzione Coordinamento Politiche e Fondi europei -​ ​Regione Piemonte
Servizi regionali a sostegno dell’export e possibili interazioni con quelli nazionali

Giorgio D’Andrea – funzionario della Struttura ricerca, innovazione, internazionalizzazione e qualità dell'Assessorato Finanze, Attività produttive e Artigianato
Servizi regionali a sostegno dell’export e possibili interazioni con quelli nazionali

Carlo Ferro – Presidente Agenzia ICE
Il Piano Straordinario per il Made in Italy e i nuovi prodotti e servizi di ICE nei 6 pilastri del Patto per l’Export

Stefano Bellucci – Responsabile Segmento PMI, SACE
Nuove prospettive dei servizi assicurativi dell’export

Francesco Tilli – Chief external relations officer, SIMEST
Nuovi finanziamenti per le PMI a valere sul Fondo 394/81 e sul Fondo di Venture Capital

Giovanni Pischedda ​– Responsabile Settore Sviluppo Competitività e Internazionalizzazione,​ ​CCIAA Torino
I servizi delle Camere di commercio del Piemonte a sostegno dell’export

Nicola Rosset – Presidente Camera valdostana delle imprese e delle professioni, CCIAA Valdostana
I servizi della Camera di commercio valdostana a sostegno dell’export

Domande e risposte
Chiusura lavori

Rivedi la diretta

Domande e risposte

Le PMI che non hanno potuto partecipare a eventi fieristici nazionali o internazionali a causa del Covid sono in grado di accedere a finanziamenti per poter partecipare alle fiere del 2021? Se si, con quali modalità?

La Simest prevede che le aziende potranno partecipare alle fiere 2021 con riferimento al fatturato 2019 (ultimo approvato e depositato) nei limiti del 15%. La domanda, per poter usufruire dei contributi a fondo perduto, dovrà essere deliberata positivamente entro il 31 dicembre 2020.  (per maggiori informazioni: https://www.simest.it/partecipazione-a-fiere-e-mostre?_ga=2.21995133.798476915.1599066133-997273504.1585236311)

L’Agenzia ICE, durante l’attuale crisi sanitaria ed economica, interviene a favore del sistema produttivo italiano con misure d’impatto immediato e agevolazioni volte a sostenere le aziende che partecipano alle sue iniziative promozionali. D’intesa con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, sono in corso di attuazione le seguenti misure di sostegno:

  1. Sono state annullate le quote di partecipazione già fatturate dall’Agenzia ICE alle aziende, per la partecipazione alle iniziative promozionali (fiere estere, seminari, mostre autonome, workshop ecc.), in qualsiasi parte del mondo;
  2. Sono state rimborsate le spese già sostenute per la partecipazione alle iniziative sopra descritte per un tetto massimo pari a € 6.000 ad azienda per quelle dei settori agroalimentare e beni di consumo, e a €10.000 ad azienda per quelle del comparto beni strumentali. Ad oggi, sono stati corrisposti 1.421 rimborsi ad altrettante imprese.
  3. Viene offerto gratuitamente un modulo espositivo allestito in tutte le manifestazioni organizzate dall’Agenzia ICE (fiere, mostre autonome, ecc.) che si svolgeranno fino a dicembre 2021, in qualsiasi parte del mondo. Anche per le altre attività promozionali (quali seminari, workshop, incoming, ecc.), è ugualmente garantita a tutte le aziende la partecipazione a titolo gratuito. (per maggiori informazioni: https://www.ice.it/it/misure-straordinarie-di-sostegno-2020)

Quali sono le modalità di funzionamento dello strumento “push” per il settore agroalimentare?

La Sace ha predisposto lo strumento “push strategy” che si applica a tutti i settori strategici per l’export italiano,

Descrizione

Finanziamento a medio-lungo termine, erogato da banche internazionali e garantito da SACE fino all’80%. A differenza di quanto previsto nell’export credit, il finanziamento è untied, ovvero svincolato da specifici contratti.

A chi è dedicato e principali benefici

Lo strumento è dedicato a grandi Buyer internazionali che operano in settori strategici per l’economia Italiana. L’obiettivo è quello di facilitare il contatto con nuovi potenziali fornitori così da aumentare le opportunità di acquisto dall’Italia.

Come funziona

SACE concede una garanzia finanziaria a prima richiesta ad una banca che finanzia il Buyer estero, il quale presenta esigenze di acquisto che possono essere soddisfatte delle aziende italiane.

Il buyer si impegna ad aumentare gli acquisti dall’Italia “su base best effort”, a partecipare ad incontri ed eventi di matchmaking organizzati da SACE per incoraggiare il dialogo con potenziali partner commerciali italiani e a fornire a SACE report periodici dei contratti siglati con gli esportatori italiani. Al Buyer estero può essere concesso al raggiungimento di livelli concordati di acquisti dall’Italia.

Il programma Push Strategy è stato potenziato nell’ambito delle misure straordinarie a disposizione delle imprese a seguito dell’emergenza Covid-19. Maggiori dettagli, compreso l’elenco dei grandi player internazionali finora coinvolti nelle attività di business matching, sono disponibili al seguente link. Ad oggi non sono presenti, ma non lo escludiamo per il futuro, acquirenti del settore agroalimentare. (per maggiori informazioni: https://www.sacesimest.it/soluzioni/dettaglio-categoria/dettaglio-prodotto/sviluppo-clienti)

È stato innalzato il livello di solidità patrimoniale di ingresso (LSP) per accedere ai finanziamenti agevolativi del F. 394/81 destinati al miglioramento della solidità patrimoniale delle PMI?

La Simest ha previsto di innalzare, in favore delle imprese, il livello massimo di solidità a 2 (da 1,62) per le imprese industriali e 4 (da 2) per le imprese commerciali. Il livello di 0,62 è rimasto tale. (per maggiori informazioni: https://www.simest.it/patrimonializzazione-delle-pmi-esportatrici?_ga=2.85549791.798476915.1599066133-997273504.1585236311)